Le Temps - linodigianni

Vai ai contenuti
Poesie
Feaci edizioni Lino Di Gianni, Le Temps des Cerises
Prefazione

È tanto fondata nel vivere e nell’aver vissuto, la poesia di Lino Di Gianni, da sembrare di volta in volta una panchina, un banco del mercato, oscillante fra stoffe e pesci, un’aula o una cucina, dove basta uno strofinaccio pulito per fare tavola e tovaglia. Una casa, soprattutto.

Perché, lì, gli spazi si contraggono, fino a tener vicini i tempi e le presenze.
Perché, lì, gli oggetti si prestano i fumi e i pensieri: in forma d’immagine pellegrina che fa dire, altrove, di occhi,/ caldi/ come patate cotte sotto la cenere.
Perché, lì, i viaggi scelgono la forma e hanno lunghezze e transiti d’amore: tavola, divano letto.  Leggere la poesia di Lino Di Gianni, allora, trova il senso e la via dei gesti quotidiani: come tagliare il pane, incontrare il suo interno forzandone passaggi/ le difese.

Si esce puliti e leggeri: niente è in vendita, niente appare. Dentro le piccole vite nelle casseruole, la parola trova un nitore essenziale. La sua verità.

Zena Roncada
Clicca sulla foto per scaricare il pdf gratuito
Donec commodo sapien
et dapibus consequat.
Torna ai contenuti